Modern technology gives us many things.

Iliad Italia. Quando il lancio?

Iliad Italia. Quando il lancio?

0

Pochi giorni fa su Twitter è apparso il primo tweet di Benedetto Levi, giovane amministratore delegato di Iliad Italia, lo possiamo tranquillamente definire come il primo vagito dell’arrivo del quarto operatore mobile italiano, cosi atteso dagli utenti e cosi temuto dalla concorrenza che a modo suo, sta cercando già di correre ai ripari per affrontare al meglio il nuovo concorrente che arriverà dalla Francia.

Intanto mentre gli storici operatori mobili italiani stanno riscontrando i primi problemi a causa del ritorno alla fatturazione mensile, in quanto Agcom ha chiesto lo stop degli aumenti previsti che si è trasformato in un vero e proprio boomerang per gli utenti costretti comunque a pagare un aumento che di fatto non ci sarebbe dovuto essere.

Ma torniamo al tutti parlano di Iliad, se ne parla a tal punto che su Facebook è già un fiorire di pagine non ufficiali che utilizzano il marchio dell’operatore in maniera impropria per catturare like senza troppa fatica e problemi ma al momento non esistono pagine Facebook ufficiali di Iliad, quindi fate molta attenzione. Cosi come vi invitiamo a fare molta attenzione a eventuali siti fake che potrebbero trarre in inganno.

I piani alti di Iliad Italia non sembrano troppo preoccupati dall’agguerrita concorrenza che sembra scaturire al momento da Tre Italia e da Fastweb che sta proseguendo con la sua nuova offerta alla portata di tutti ma cosa sappiamo ad oggi dello sbarco italiano dell’operatore francese?

Purtroppo le notizie davvero sicure e certe sono poche, molte sono indiscrezioni o poco più. Sappiamo che a breve dovrebbe partire ufficialmente la campagna pubblicitaria sulle reti Mediaset, quasi certamente anche su Sky.

Sulle tariffe nulla di certo se non indiscrezioni basandosi su quanto avviene in Francia, come il ritorno della super tariffa tutto incluso a 0,99 euro al mese in promozione per un anno che comprende davvero tutto: chiamate illimitate, tantissimi giga per navigare in internet, sms e mms.

Per quanto riguarda gli operatori italiani, la nuova proposta di Tre Italia sembra davvero molto aggressiva: lanciate in questi giorni le offerte ALL-In Power e Free Power che prevedono minuti illimitati, giga illimitati e 1000 sms al costo di 19 euro al mese, una promozione per coloro che sono già clienti 3Fiber di Tre, per chi non è cliente con la fibra il piano prevede 100 Giga anche con l’opzione Giga Bank inclusa e 1000 sms a 19 euro al mese per sei mesi poi diventeranno 25 euro al mese.

Le offerte prevedono anche la possibilità di acquistare a rate uno smartphone di ultima generazione con l’offerta Free Power abbinata a 3Fiber con la fibra a casa con giga illimitati per lo smartphone e un telefono nuovo che si può cambiare ogni anno, a partire da 34 euro al mese inclusa anche la polizza Kasko. L’opzione Giga Bank sempre inclusa che permette di cumulare i giga non consumati nel mese corrente per il mese successivo.

Sul fronte concorrenza, nei giorni scorsi il CEO di Fastweb Alberto Calcagno, ha voluto smarcarsi da diretto concorrente di Iliad, rimarcando invece l’intenzione di puntare sempre di più verso la fidelizzazione del cliente con offerte semplici e trasparenti e soprattutto offerte sempre più convergenti tra fisso e mobile. Una strategia commerciale che in fondo è molto diversa da quella che Iliad proporrà anche in Italia, puntando tutto sul servizio mobile.

Infatti proprio in questi giorni Fastweb ha rivisto la propria offerta fissa e mobile, puntando ancora sulla trasparenza e semplicità con costi chiare, abolendo penali e vincoli sia per il mobile che per il fisso ma anche in questo caso con il ritorno alla fatturazione mensile non manca il famoso aumento dell’8,6% spalmato mensilmente.

Strategie commerciali convergenti sempre più spinte anche dagli operatori come TIM, Vodafone e Wind-Tre, come si è visto anche nelle ultime offerte di Tre Italia. Forse quelli che potrebbero seriamente preoccuparsi di Iliad sono gli operatori mobili virtuali o MVNO, spesso non proprio soddisfacenti dal punto di vista della qualità del servizio e non tutti operanti sotto rete 4G. Uno di questi è certamente Kena Mobile che proprio in questi giorni è pronto a rilanciare il suo marchio, appartenente al gruppo Telecom Italia, con nuove offerte, la campagna pubblicitaria televisiva con Lino Banfi e Fedez e il passaggio a rete 4G finora mancante.

Inoltre a ridosso dell’arrivo di Iliad anche Vodafone potrebbe finalmente fare la sua mossa, lanciando il suo operatore virtuale mobile low cost, Ho mobile che inizialmente doveva chiamarsi VEI. Il ritardo del lancio di questo operatore potrebbe essere dovuto proprio per vedere le carte sul tavolo schierate dal nuovo concorrente francese che potrebbe lanciare, come già supposto varie volte, anche da noi tariffe bomba non indifferenti.

Ci sono intanto ulteriori novità anche sul fronte della pianificazione pubblicitaria che va a stretto contatto con quella commerciale, quindi prossimamente vedremo gli spot Iliad sulle reti Mediaset, quasi certamente anche su Sky e ad occuparsi della pianificazione pubblicitaria sarà l’agenzia PHD che appartiene al gruppo Omnicom, secondo quanto appreso dai colleghi di Universo Free.

Questo gruppo media lavora per il gruppo Iliad anche in Francia per Free Mobile da alcuni anni e sembra ormai una garanzia.

In Italia questa agenzia affianca da anni numerosi marchi importanti portati al grande successo.

L’agenzia PHD è nata a Londra nel 1990, fondata da David Pattison, Nick Horswell e Jonathan Durden; nel 2002 PHD diventa partner di Omnicom e inizia a crescere come network internazionale, inaugurando la prima sede fuori dal Regno Unito.

Tra le notizie più concrete oltre che tra le più importanti che riguardano Iliad, certamente quelle sulla copertura di rete sono maggiormente attese, sono tanti infatti gli utenti che si preoccupano di cambiare gestore e magari ritrovarsi tariffe più economiche ma una copertura di rete non sufficiente.

Quel che sappiamo per certo da mesi ormai è che per la maggior parte del territorio italiano, Iliad si affiderà alla rete Wind Tre con il nuovo sistema Ran Sharing che consente di ricevere sul proprio display il marchio Iliad pur trovandosi sotto rete Wind Tre, inoltre l’operatore di matrice francese ha già avviato una sua rete proprietaria in alcune città italiane, lavori che proseguono tutt’ora e proseguiranno nei prossimi mesi.

Di certo l’intenzione è quella di non essere trattati come un operatore mobile virtuale o MVNO ma come un gestore telefonico a tutti gli effetti che cercherà di garantire la qualità ad un costo basso o comunque giusto, senza penali, senza vincoli o costi nascosti.

Iliad Italia avrà subito una copertura diretta e nel resto del territorio, roaming nazionale e ran sharing, con Wind Tre. E si tratterà di un roaming nazionale completo, sia per la rete 2G e 3G che per quella veloce 4G, in attesa che le operazioni per accaparrarsi l’ambita fetta del 5G non entreranno nel vivo, anche quello sarà un passaggio importante non solo per gli altri operatori comunque già consolidati, ma soprattutto per un operatore che si affaccia ora su un mercato cosi difficile come quello italiano.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.